fbpx
Stampa
Visite: 531

Noi siamo pronti per Play Modena, e tu?

Anche quest’anno ci troverete a Play Modena con un vagone pieno di novità ed eventi.
Talk, conferenze, giochi nuovi, e demo per poterli provare con noi!

Non mancare di passare a trovarci, come al solito troverete una banda di appassionati pronti a giocare, chiacchierare, spiegare, ascoltare.

Ecco le nostre novità

Sagas of the Icelanders (30€)

Nell’anno 874, i primi coloni norreni misero piede in Islanda. Scappavano dalla guerra, dalla povertà e dalla dissoluzione delle loro libertà politiche sul continente. Le loro famiglie e genti li seguirono e reclamarono quelle terre incontaminate, libere dai governanti e dalle pressioni religiose, e divennero agricoltori solitari, determinati a sopravvivere in quell’ambiente nuovo e inospitale. Queste sono le loro storie.
Gioca nei panni dei coloni islandesi dell’epoca, a cavallo tra la fine del IX e il X secolo, anche noto come il periodo delle Saghe degli Islandesi, e scegli tra la difesa del tuo onore, la tua libertà e le vite tua e della tua famiglia. Racconta le storie di quelle famiglie, di quelle vite, delle tribolazioni e dei lasciti, e scopri o cambia la storia mentre forgi un’autentica saga degna di riecheggiare nel tempo.

Un gioco di Gregor Vuga.

Seco Creek Vigilance Commitee (20€)

Seco Creek Vigilance Committee è un gioco di giustizia, legge, vendetta e la differenza tra ciò che è giusto e ciò che è bene fare.

Tre famosi fuorilegge si trovano nella prigione di Seco Creek. Le prove contro di loro per il crimine che hanno commesso sono scarse. Probabilmente essi non sono colpevoli, almeno non di questo crimine nello specifico. Ma la loro reputazione li precede e la cittadinanza non ha alcuna intenzione di lasciarli arrivare in aula per il processo. Voi fate parte della posse che li ha acciuffati e il destino dei tre fuorilegge è legato a doppio filo alle vostre azioni. Ma anche il vostro destino è legato al loro.

Cosa farete?

Ghost Planets (10€)

Una galassia piena di tombe…

Nel 23° secolo, trovammo segni di vita intelligente nella galassia: pianeti deserti pieni di strutture aliene. Il consiglio mondiale ha istituito il Corpo di Xenostoria per investigare su quei pianeti e scoprire cosa fosse successo agli abitanti.

Nelle profondità della galassia, la tua squadra di esploratori e scienziati del Corpo indaga le reliquie di esseri inumani, alla ricerca di risposte. Dovrete sopravvivere in ambienti ostili, decifrare antichi indizi e fronteggiare i prodotti miracolosi e terrificanti della tecnologia aliena. Se fallirete, la terra potrebbe diventare il prossimo pianeta fantasma.

Il Pianeta Proibito incontra Star Trek in questo Mondo d’Avventure di Don Bisdorf.

Ghost Planets richiede fate sistema base per essere giocato. questo manuale di 60 pagine contiene:

Decifrare geroglifici alieni, disarmare antiche armi e salvare l’umanità dall’estinzione. Una normale giornata di lavoro.

La linea dei Mondi d’Avventura per Fate fornisce ambientazioni compatte, ricche, economiche, meravigliose, con un’avventura pronta per i gm alle strette. Comprane una nel pomeriggio, sarai pronto per giocarla la sera stessa!

Vieni a conoscere la Dreamteam!

Vieni a conoscere lo staff della Dreamteam, il personale dello stand, i facilitatori e i dematori dei nostri giochi.
Sempre a disposizione, il nostro personale ti accoglierà presso lo stand, per fugare un dubbio, per chiacchierare, per farti giocare.
Siamo principalmente giocatori, e siamo qui per i giocatori.

Gli eventi e le talk

Ed eccoci arrivati agli eventi, la raccomandazione è di non perderveli!

I nostri eventi

Le demo delle nostre novità all’Indie GdR Plaza

Per tutta la durata della fiera sarà adibita al nostro stand l’Indie GdR Plaza uno spazio di gioco e di chiacchiere, con apposita segreteria gestita dalla Dreamteam in associazione con Narrattiva, per prenotarvi una demo delle nostre novità, e non solo. Ecco i giochi disponibili:

Gioca con l’autore

Al nostro stand potrete prenotare, sempre alla segreteria dell’Indie GdR plaza, potrete prenotare una giocata con gli autori del duo Black Box (Evolution Pulse, Omen, Dunqora, Ars Gladiatoria, No Way Out tra gli altri). Non mancate di passare a salutarli!

Giochi di ruolo: design e pubblicazione (sabato 6 ore 13:30 Sala Moreno Galleria Uff.6/7)

Luke Crane, fondatore di Burning Wheel HQ (Burning Wheel, Mouse Guard, Torchbearer) condivide il suo punto di vista ed esperienza riguardo game design e pubblicazione di giochi di ruolo. Quali sono le opportunità ora e quale sarà il futuro dell’editoria dei GdR?

Francesco Nepitello porta una testimonianza altrettanto ricca e prolifica e il punto di vista di chi da oltreoceano ha conquistato uno spazio importante nel mondo del design dei giochi di ruolo.

Nicola Urbinati di Dreamlord Press porta il punto di vista da editore e giocatore di giochi “indie” in Italia.

Massimo Cranchi di Wyrd Edizioni porta il punto di vista di uno degli editori di giochi di ruolo più attivi su Kickstarter in Italia.

L’incontro è moderato da Daniele Fusetto di Storie di Ruolo.

ATTENZIONE: questo evento è in inglese.

Gli eventi raccomandati

Ci piace raccomandarvi i seguenti eventi, molto interessanti e dai temi che abbiamo a cuore.

Bleed - L’influenza reciproca tra giocatore e personaggio (sabato 6, ore 12:30, Sala Reali (Sala30))

Il giocatore di ruolo è spesso impegnato nella ricerca di coinvolgimento in un personaggio ed in una realtà/narrativa fittizia considerate prive di conseguenze.
Tuttavia esperienze in cui le sensazioni, i pensieri, le relazioni e altri aspetti della vita dei giocatori si riversano nei personaggi e viceversa sono tutt’altro che rare. Scopo di questa talk è introdurre al concetto, a cui nei role-playing studies ci si riferisce con il nome di BLEED, alle tecniche utili alla sua gestione, alle possibilità di utilizzo e infine ai costrutti psicologici utili a spiegarlo. Ci sarà spazio per la discussione volta alla sensibilizzazione in merito alle buone pratiche e alle potenziali conseguenze del fenomeno.

Con Francesco Rugerfred Sedda, Francesco Zani, Stefano Burchi, modera Giulia Cursi

Gdr e identità LGBT+ - Stonewall 1969 (venerdì 5, ore 18:30, Sala Dossena (sala40))

“Stonewall 1969 - Una storia di guerra” è un gioco di ruolo che parla di persone LGBT+ che hanno vissuto le oppressioni e le violenze che hanno portato ai moti di Stonewall, considerati il momento in cui è nato il movimento di liberazione omosessuale moderno.

Prendendo Stonewall come esempio, durante questa conferenza parleremo di come il gioco possa essere uno strumento di crescita individuale e di divulgazione; attraverso l’attività del gioco, infatti, i giocatori possono prendere consapevolezza di situazioni e dinamiche che non conoscevano e sulle quali altrimenti, forse, non si sarebbero mai posti domande significative.

Alcuni concetti chiave della presentazione saranno:

Con Stefano Burchi e Stefano Ori

Stonewall 1969: una storia di guerra (venerdì 5, ore 14:00, Pad.A - A12)

Nel 1969 gli atti omosessuali erano illegali in tutti gli Stati Uniti d’America a eccezione dell’Illinois.
Le leggi che si occupavano dei crimini sessuali, tra cui l’omosessualità, raggiunsero, nel corso degli anni Sessanta, una severità draconiana. Quell’estate la polizia del New York Police Department fece un’incursione nello Stonewall Inn, un bar gay molto popolare nel Greenwich Village di New York. Non era la prima volta: gli avventori erano abituati a sopportare ogni genere di sopruso dentro e fuori il locale, perché gli omosessuali erano considerati malati, criminali e peccatori e, in quanto tali, erano condannati contemporaneamente dalla società, dalla legge e dalla religione.

Quella notte, la rabbia e la frustrazione degli ospiti del locale esplosero con una furia inaspettata, cogliendo i poliziotti totalmente impreparati. Risposero ai soprusi e alla violenza con altra violenza, respingendo la polizia. Gli scontri durarono per giorni.
Da quella rivolta nacque il movimento di liberazione omosessuale moderno, che ha portato a una lotta costante contro la discriminazione basata sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e al riconoscimento dei diritti civili.
Ci sono poche fotografie e pochi documenti che testimoniano direttamente gli avvenimenti di quella notte e dei gay, delle lesbiche, dei travestiti e dei transessuali che furono coinvolti. Di molti di loro si è persa la memoria pubblica e culturale con il passare dei decenni. In questo gioco i partecipanti esplorano la storia, le difficoltà e le scelte di quelle persone.

Saranno disponibili due tavoli per un massimo di tre giocatori l’uno, oltre i facilitatori. Ogni tavolo può partire con almeno due partecipanti.